In Evidenza Serie C 2017-2018

Serie C, l’Auxilium supera il Basket Cairo dopo un supplementare

Una tosta Auxilium soffre ma si impone, dopo un tempo supplementare, al Basket Cairo

Serie C
Auxilium – Basket Cairo 55-51 dts

(13-10; 32-21; 38-33; 46-46)

Auxilium: Carbonell ne, Giachin 2, Ajmar 12, Lombardo, Varoli 7, Boni, Pescio 11, Ferrando, Vigogna 2, Picasso 14, Bonini 5, Raffetto 2.
Tiri liberi 9/14
All. Grandi, Ass. Pescio e Barbieri

Basket Cairo: Perfumo, Horma 2, Villa 23, Tuveri, Maccio, Brusco, Roncallo 8, Bianconi 10, Irgher 6, Brero 1, Avolio 1.
Tiri liberi 13/22
All. Piccardo, Ass. Pollari

L’Auxilium si aggiudica il recupero della 1^ giornata contro il Basket Cairo, formazione che in buona sostanza è l’Under 20 della Cestistica Savonese che, con le pari età della Cestistica Spezzina, prende parte (fuori classifica) al campionato di Serie C.

Una partita quindi non valida per la classifica, che in teoria anche sul campo si sarebbe potuta trasformare in un incontro senza sapore.
In teoria, perché sul campo, al contrario, si è rivelato un incontro dagli elevati contenuti agonistici.

Le biancazzurre non possono contare su due dei più importanti terminali offensivi: la capitana Policastro deve infatti scontare la seconda giornata di squalifica e Carbonell, per impegni di lavoro, si è potuta presentare al PalAuxilium solo a partita pressoché terminata.

Raffetto, con una buona conclusione dall’angolo, apre le ostilità e le biancazzurre salgono rapidamente fino al 9-2,; le savonesi non si perdono d’animo ed a cavallo tra i due periodi, sospinte da Villa, Roncallo e Bianconi, con un parziale di 4-16 si portano sul 13-18.

Ancora una volta il rimedio per l’Auxilium passa attraverso la necessaria intensità difensiva che se da un lato blocca le avversarie per diverso minuti dall’altro, come spesso accade, fa ritrovare anche maggiore tranquillità in attacco. 5 punti consecutivi di Picasso consentono l’aggancio, mentre Pescio , Ajmar (4 punti) e Varoli completano il parziale di 13-0 che porta l’Auxilium sul 26-18.
Un vantaggio che si consolida prima dell’intervallo lungo con due liberi di Giachin ed altre due conclusioni dalla distanza di Picasso (32-21 al 20’).
L’intervallo, stranamente, ha un effetto soporifero sulle biancazzurre che, dopo aver realizzato 32 punti nei primi venti minuti ne sommano solo 14 nei venti minuti successivi. Una manna per le savonesi che continuano con il loro trend offensivo ed inevitabilmente impattano (40-40) al 35’.

Nel finale convulso Vigogna dall’angolo, un gioco da tre punti di Bonini e due liberi di Ajmar consentono all’Auxilium di riportarsi avanti con un vantaggio minimo (46-45) a venti secondi dal termine.
Ajmar recupera palla ma si divora il contropiede che avrebbe sicuramente chiuso l’incontro; nel prosieguo dell’azione viene sanzionato un fallo tecnico alla panchina savonese, Pescio sbaglia il tiro libero e sul possesso successivo Bonini commette un fallo che viene considerato come fallo difensivo.
Due tiri liberi per Villa che, con l’1/2, riporta l’incontro in parità (46-46) a soli 8 secondi dal termine, nel corso dei quali il tentativo delle biancazzurre non va a buon fine.
Si va quindi ai supplementari.

Al canestro di Picasso il Basket Cairo replica con Villa (4 punti) e Brero, che portano le savonesi sul +3 (48-51).
Ci pensa di nuovo Picasso, con un triplone, a riportare le squadre in parità.

Ajmar, festeggiata da Lombardo

Ajmar recupera palla e vola in contropiede, stavolta senza mancare il più 2, arrotondato da altri due tiri liberi a pochi secondi dal termine, a seguito di un fallo antisportivo comminato a Bianconi.

L’incontro si chiude sul 55-51; come detto, ininfluente per la classifica ma molto utile sia per l’autostima delle giocatrici che per le indicazioni positive ricevute dallo staff tecnico.

Grandi, Pescio e Barbieri hanno trovato conferma sia alle importanti, evidenti crescite individuali che sull’abnegazione difensiva (nonostante alcune pause) di tutta la squadra, che consente di recitare un ruolo importante anche alle giocatrici con minore confidenza con il canestro avversario.